E se il Galaxy non si monta

maggio 10, 2010
By

Il mio caro Galaxy quando l’ho preso aveva una memoria interna di 6GB circa, ma per stare sul sicuro ho preso una microsd da 4GB dato che costava poco e che è ormai un formato pressoché ubiquitario.

Fin qui tutto bene, il telefono vede perfettamente la SD aggiuntiva e la usa normalmente.

I problemi sono sorti quando ho provato a far montare il telefono da hal

Android quando lo si connette all’usb rileva la connessione e propone tramite la propria interfaccia di passare la connessione usb alla modalità di memoria di massa, esponendo i filesystem interni, o meglio la parte su cui l’utente può agire.

Su WinXP il telefono espone due unità disco che vengono regolarmente montate r/W. Sulla Gentoo invece finora mi esponeva solo uno dei due filesystem: se c’era la scheda aggiuntiva mostrava quella, altrimenti se la toglievo fisicamente mostrava il filesystem del telefono.

La cosa m’aveva fatto girare abbastanza i cosiddetti, ma dato che tramite Win riuscivo ad interagire, che in realtà non trasferisco quasi mai dal telefono al pc e viceversa e che cmq su android ci sono svariati tool che permettono di trasferire file via Samba, il problema era tutto sommato trascurabile.

Certo, era rimasto un pungolo, uno di quei retrogusti sgradevoli che rimangono in attesa del momento giusto per dare fastidio.

Alla fine mi sono deciso a guardarci dentro a questa cosa e ne sono venuto a capo, chiaramente sempre grazie all’inesauribile forum della Gentoo.

Dato che l’essenza della rete è la ridondanza scrivo anche qui i semplici passi che portano alla soluzione.

Nel mio kernel andavano attivate queste due voci:

Device Drivers
 - SCSI device Support
   [x]Probe all LUNs on each SCSI device
 - USB support
   [x]USB device class-devices(DEPRECATED)

Fatto questo il Galaxy adesso espone correttamente entrambe le unità

La discussione sul forum è a questo indirizzo:

http://forums.gentoo.org/viewtopic-t-787120-start-0-postdays-0-postorder-asc-highlight-.html

Tags: , , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*